Archivio Categoria: Libri

“ Amori senza scandalo. Cosa vuol dire essere lesbica e gay” di Paolo Rigliano

Editore: Feltrinelli La tesi di questo libro è semplice e nuova: non esiste prova né biologica né psicologica che lo sviluppo omosessuale segua vie differenti da quello eterosessuale. Esiste invece la fondata possibilità che eterosessualità e omosessualità siano due aspetti di un medesimo processo di crescita durante il quale, attraverso una complessa dinamica di interazioni, emozioni e vissuti personali, si forma e si fissa l’esperienza affettiva. L’amore tra persone dello stesso genere poggia su questa affettività profonda, elaborata a partire dai primi istanti di vita, e, al pari dell’amore tra un uomo e una donna, è integralmente positivo, produttivo e felice. L’aspirazione a una vita amorosa serenamente accettata e gioiosamente vissuta non è solo un diritto che lesbiche e gay...
Continua a leggere

“ Citizen gay. Famiglie, diritti negati e salute mentale” di Vittorio Lingardi

Editore: Il Saggiatore Tra la fine del 2006 e l’inizio del 2007, la questione relativa al riconoscimento giuridico delle unioni tra persone dello stesso sesso ha monopolizzato l’attenzione della stampa italiana e di buona parte del dibattito politico interno. Per eccesso di ideologia ed emotività, il confronto è rimasto tuttavia confinato tra gli attacchi rivolti alla prospettiva di una “famiglia omosessuale” e l’ammissione imbarazzata di dover fare una “concessione alla diversità” in un mondo che cambia. In sostanza, è mancata una lucida riflessione sul rapporto tra omosessualità e cittadinanza e non ci si è chiesti se la distinzione tra “etero” e “omo” possa davvero reggere sul piano giuridico. Storicamente il concetto di “omosessualità” è transitato dalla giurisdizione morale (lecito/illecito) a...
Continua a leggere

“ Il bullismo omofobico. Manuale teorico-pratico per insegnanti e operatori di Gabriele Prati, Luca Pietrantoni, Elena Buccoliero, Marco Maggi

Editore: Franco Angeli La pratica educativa di chi lavora a contatto con gli adolescenti testimonia come il linguaggio omofobico sia correntemente praticato per scherzare o per offendere nel litigio più banale, mentre in molti contesti scolastici l’etichetta denigratoria di “frocio” o “lesbica” è adoperata per escludere chi, al di là dell’orientamento sessuale, viene percepito come diverso rispetto alle aspettative di genere, configurando veri e propri casi di bullismo omofobico. Non è un fenomeno di poco conto. Studi scientifici documentano quanto esso sia diffuso e deleterio per chi lo subisce, con conseguenze che – in questi più che in altri casi di prepotenze ripetute – possono arrivare fino all’abbandono scolastico o al suicidio. Il bullismo omofobico, dunque, è prima di tutto...
Continua a leggere