Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Prof, secondo lei sono gay?

In realtà la domanda è: “anche se fossi gay o lesbica posso continuare ad avere una buona relazione con lei? Il mio essere omosessuale mi porterà a perdere le mie amicizie?”
Nelle risposte sarà quindi importante non dare la sensazione che essere omosessuali sia una condizione invalidante e che quindi sarebbe preferibile non esserlo.
Risposte sbagliate:
1) “Può essere una fase; avere avuto esperienze con persone dello stesso sesso non significa essere omosessuale”. Anche se dando risposte simili si ha la sensazione di tranquillizzare su una condizione che può essere vissuta come indesiderabile, di fatto si dà la sensazione che tale condizione è veramente indesiderabile e quindi si moltiplicano le paure che l’adolescente sta vivendo sul suo orientamento.
2)”Hai fatto bene a dirmelo, ma non dirlo ad altri ( genitori, compagni)”. Si dà l’impressione che essere omosessuali sia male e quindi sia una condizione da tenere nascosta. Valutate invece con lui i modi e i tempi del suo coming out.
3) “ Come fai a saperlo? Forse non hai ancora trovato la persona giusta per te, e non hai ancora provato rapporti sessuali con l’altro sesso!”. Le pulsioni e le attrazioni che proviamo sono espressione della nostra identità e guidano i nostri comportamenti e non sono viceversa i comportamenti a definire la nostra identità, quindi non è avere rapporti con l’altro sesso che farà di noi un eterosessuale, ma sono i sentimenti e le pulsioni affettive e fisiche che proviamo a svelarci quello che siamo e su questo dobbiamo dare credito ad un ragazzo che ci dichiara di essere omosessuale.
4) ” Sei troppo giovane per fare una scelta così importante!” L’omosessualità non è una scelta!!!
5) “ Lascia perdere, hai cose più importanti in questo momento su cui concentrarti!” Fare coming out è un momento molto difficile e doloroso: l’accettazione della propria omosessualità è accompagnata al timore che la qualità della propria vita possa cambiare, così come le relazioni di amicizia o con i famigliari. Mai minimizzare, sottovalutare o screditare questo momento!
5) “ non lo avrei mai detto! Non si vede proprio!” Non rafforzare gli stereotipi su come gli omosessuali si suppone siano o si debbano comportare!
Risposte corrette:
1) “ Non c’è problema!” dare il messaggio che qualunque sia il suo orientamento sessuale non cambia la relazione che abbiamo con lui.
2) “ Quali sono le cose che ti preoccupano” Lasciare a lui/lei il compito di definire le proprie paure senza tentare una interpretazione
3) “ Pensi di avere bisogno del mio aiuto?” date la vostra disponibilità a sostenerlo in questo momento, ma lasciate che sia lui/lei a dirvi cosa vuole e cosa ha bisogno
4) “ Dirmelo non sarà stato facile, ora però dobbiamo trovarti un fidanzato/a!” E’ importante riconoscere le difficoltà del suo coming out, ma contemporaneamente cercare con una battuta di sdrammatizzare la cosa facendo riferimenti costruttivi alla sua vita affettiva e sessuale affermando così il suo diritto di essere quello che è e di essere felice in amore.
5) “ non sei l’unico, e anche se a scuola magari è difficile avere informazioni adeguate, esistono associazioni che possono aiutarti e darti supporto”